“A Vammana”


Na femmena, n’allucco, agitazione e confusione.
Curriti, curriti, a Signora se sent male.
Chiamat u miedico, purtamula au spidale.
Forse amma sciuscia’, forse amma piglia’, ma camma fa’?
Aspe’! Va addu Raffaelina, chella che fa nasce e criature.
Curri, fa ambressa, nun te ferma’ e quann prima portala qua.
Madonna mia, fa che tutt vada buono, qua so nummeri
e nun sape fa nient nisciuno.
Eccola, è arrivata, sgombrate, fate largo chesta è a Vammana.
In da n’attimo cu freddezza, porta a Signora dind a na stanza,
chiude a porta e resta sola, insieme a sofferente.
Urla a squarciagola, duluri a nun fenì, spingete, spingete,
forza Signo’, vuttatilo fore, nu poco e curaggio, l’ultimo sforzo,
sudore, ansia, tutti a sent a ret a porta.
A nu tratto, nu silenzio tombale, mumenti e tensione,
e paura e de forti emozioni.
Che succiess?
Mio Dio
Che succiess?
Gueeeeee, gueeeeee, gueeeeee!!
È nato, È nato, è natoooo!
Paduli è parturito, u rione è in festa, soneneno e campane,
u parroco è pronto pa benedizione.
È na gran gioia, è na bella tradizione, chella che
quann nasce nu criaturo è pe tutti na gran soddisfazione.
A Vammana se ne va’, fiera e stanca, vasa u criaturo
e u mett mbrazz a mamma.
Dumani sarà nu iuorno nuovo, pe tutti Santo,
ricurdann con affetto che sta grande donna,
ce fatt nasce a tutti quant.

Antonio D’Alessandro